sabato 17 giugno 2017

Il sole stilla senza posa poesie


NIKIFÒROS VRETTÀKOS

PICCOLI INNI DI ODE AL SOLE, III

Se parlo così spesso del sole
non è perché ero un bambino
nudo e mi ha vestito.
Così
mi comandano gli alberi che lo
trasformano in fiori, e le api che
a goccia a goccia lo versano senza posa
nelle loro celle. E me lo ordina anche
il cuore, che ha dentro
un piccolo affluente, una vena
tutta mia, da cui il sole stilla
senza posa poesie.

(da L’occhio di luce del sole, 1984 - Traduzione di Gilda Tentorio)

.

“Possa il Sole a Oriente, possa il Sole a Occidente, possa il Sole a Settentrione, possa il Sole a mezzogiorno,  possa il Sole dare vita perfetta, e dotarci di lunga vita” è scritto nelle Sūrya Upaniṣad. La forza vivificatrice del Sole è celebrata sin  dall’Inno ad Aton dell’antico Egitto (XIV secolo avanti Cristo): “Tu fai le stagioni per far sì che si sviluppi tutto quel che tu crei”. Dalla Grecia di Helios, il “sole che tutti vede e tutti ascolta” dell’Iliade viene anche il poeta Nikifòros Vrettàkos (1912-1991) che ha in tutti gli elementi dell’universo, ma soprattutto nel Sole, la sua Musa.

.

DIPINTO DI VLADIMIR KUSH

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non finisce la poesia, come / non finisce anche il cielo.
NIKIFÒROS VRETTÀKOS, L’abisso del mondo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...